food & information

home company products organic products gluten free quality news service contact food & information retailers

Food & Information


L'Olio di Palma
Pubblicato da Orva il 22/12/2014 - 15:32 Visualizzazioni 466
L'Olio di Palma

"L'olio alimentare più diffuso al mondo è anche quello che si conosce meno. Ecco qualche informazione utile per scoprirne i vantaggi e sfatare alcuni pregiudizi.

 

L’olio di palma è l’olio alimentare più utilizzato al mondo. Nel corso degli ultimi anni, la sua  versatilità di utilizzo e la sua consistenza fluida o semi-fluida a temperatura ambiente lo hanno  valorizzato rispetto ad alternative meno valide nella produzione dei grassi spalmabili e di numerosi prodotti alimentari composti.

 

In un'ottica di trasparenza, il Regolamento (UE) n. 1169 del 2011, relativo alla fornitura di informazioni alimentari ai consumatori, ha imposto, a partire dal 13 dicembre di questo anno, di specificare in etichetta il tipo di olio o grasso contenuto nei prodotti alimentari e perciò anche la presenza di olio di palma dovrà essere indicata in etichetta. Eppure, nonostante il suo ampio utilizzo nell'industria, non soltanto alimentare, dell'olio più diffuso al mondo si sa ancora poco.

 

La sua origine è squisitamente tropicale: la palma è giunta in Asia dall'Africa, ma oggi l'Indonesia la Malesia detengono l'85% della produzione. L'olio si estrae dalla polpa del frutto della palma, e quindi è un olio di frutto, come l’oliva, a differenza dell’olio di palmisto, che invece si ricava dai semi. E' coltivato in piantagioni il più delle volte secolari, e dà lavoro ad un gran numero di piccoli agricoltori nel Sud est asiatico. Si calcola che, nella sola Indonesia, il 60% della coltura del palma sia appannaggio di piccoli operatori, che lo considerano, anche grazie alla buona redditività delle coltivazioni, la via d'uscita principale dalla povertà. Basti pensare che la sua resa per ettaro è dieci volte superiore all’olio che lo segue come importanza economica, l'olio di soia, ed in generale agli altri principali oli di semi.

 

Il consumo del palma come olio da cucina è tipico di Cina, India e Indonesia. In Europa e in Occidente, al contrario, è soprattutto impiegato nella produzione di prodotti alimentari, come i prodotti da forno. E’ del resto ben noto che nella preparazione di torte e biscotti il buon risultato finale è strettamente dipendente dall’impiego di grassi solidi o semisolidi; l’olio di palma non ha perciò validi concorrenti. I grassi idrogenati, come noto, sono ormai quasi scomparsi, una volta scoperti gli aspetti negativi degli acidi grassi trans, gli altri grassi vegetali solidi contengono più grassi saturi del palma ed i grassi lattieri contengono più grassi saturi e colesterolo.[...]

 

Le previsioni di produzione parlano di una crescita del 25% entro il 2020, pari a 68 milioni di tonnellate. Ciò ha fatto emergere con forza, negli ultimi, anni, la questione della sostenibilità dell'olio di palma. Le piantagioni, infatti, si sviluppano nelle zone tropicali, a fianco delle cosiddette “foreste primarie”, in un'area caratterizzata da forte biodiversità. Questa coabitazione forzata ha convinto le grandi aziende del settore a fissare alcune regole per garantire la “convivenza sostenibile” tra coltivazioni, piccole e grandi, e la foresta tropicale, che deve essere salvaguardata, con una particolare attenzione alla tutela delle comunità locali, che, sempre più spesso, basano la loro economia sul palma.[...]

 

Tra i pregiudizi da sfatare, il più diffuso è quello che l'olio di palma sia un concentrato di “grassi cattivi”. Al contrario, la sua composizione prevede accanto ad un 50% di grassi saturi – in prevalenza acido palmitico – acidi monoinsaturi per il 40% circa ed acido linolenico, polinsaturo, presente in una quantità variabile tra il 9 e il 12%. Inoltre, è una fonte importante di carotenoidi, la cui presenza conferisce a questa tipologia di olio il caratteristico colore rosso. Altro vantaggio nutrizionale fornito dal palma è rappresentato dalla forte concentrazione di vitamina A e, in misura ancora maggiore, di vitamina E.

 

Da una ricerca del Dipartimento di Scienze Farmacologiche dell'Università di Milano presentata nel 2013, è poi emerso che l’olio di palma, nonostante il suo 50% di grassi saturi, non si comporta come un tipico grasso saturo in termini di impatto su colesterolo, trigliceridi e pressione sanguigna. Se assunto in quantità ragionevoli, può avere effetti positivi sulla colesterolemia totale e, in virtù delle sue componenti anti-ossidanti, protegge l’organismo dai processi di invecchiamento, inibendo anche alcuni meccanismi carcinogenetici. [...]"

Il testo dell'articolo è stato estratto da un documento rilasciato da ASSITOL (Associazione Italiana dell'Industria Olearia), link al documento completo qui.

 

Cirsolare sull'olio di palma rilasciata dall' AASITOL

 

Qui invece è possibile scaricare la circolare rilasciata da ASSITOL per quanto riguarda l'Olio di Palma

Altri articoli che potrebbero interessarti...


Facebook


nuova linea Orva, la Piadina con punto esclamativo!linea orvalinea orva biolinea panbontalinea piadadelborgolinea pansfiziolinea orva gluten free